primo trimestre

La gravidanza è un periodo caratterizzato da trasformazioni così grandi che un solo articolo non basta per descriverla… quindi da oggi inizio a pubblicare una serie di contenuti, con cadenza mensile, che ne descrivono lo sviluppo partendo proprio dal primo trimestre.
Se vuoi capire meglio come la medicina cinese vede la gravidanza e quindi come può sostenerla puoi leggere il mio articolo La gravidanza fisiologica in medicina cinese, che ti offre una panoramica e alcuni consigli utili.
Se sei alla ricerca di qualcosa di pratico, ti consiglio di non perderti il mio articolo del mese scorso: Cosa mangiare in gravidanza? Risponde la medicina cinese.

Continua a leggere…

Condividi:
mangiare in gravidanza

La gravidanza è un momento fisiologico nella vita della donna, ma, soprattutto se si tratta della prima, la maggior parte delle donne si pone moltissimi interrogativi: cosa mangiare in gravidanza? Come faccio con la nausea? E se prendo troppo peso? Sbaglierò a fare attività fisica? Dovrei lavorare meno? Sto facendo tutto quello che è meglio per il mio bambino?

La medicina cinese studia da millenni il delicato equilibrio della gravidanza e spiega passo passo come e perché hanno luogo le tante trasformazioni e i tanti cambiamenti di una gravidanza fisiologica. Grazie al suo punto di vista olistico, la medicina cinese è in grado di dare consigli mirati sull’alimentazione da preferire durante le varie fasi della gravidanza, per sostenere il qi (“energia”) della mamma per permetterle di arrivare al parto con tutte le energie necessarie a sostenere questo momento così impegnativo e con la capacità di affrontare serenamente l’allattamento.

ATTENZIONE: la medicina cinese studia i cibi dal punto di vista energetico, ossia ne valuta l’impatto che hanno sul nostro equilibrio interno. Durante la gravidanza, è fondamentale fare riferimento alla propria ostetrica e se necessario consultare il proprio medico o un/a nutrizionista specializzato/a in gravidanza per avere indicazioni e prescrizioni sui cibi da assumere per ottenere il giusto apporto di calorie e micronutrienti e su quelli da evitare per ragioni mediche.


Se vuoi saperne di più sulla prospettiva cinese sull’alimentazione, puoi leggere il mio articolo Alimentazione in medicina cinese: come trovare il tuo equilibrio.

 Continua a leggere…

Condividi:

Una leggera nausea è normale all’inizio della gravidanza, a cause dei grandi cambiamenti nel bilanciamento yin-yang e nella fisiologia della donna che hanno luogo in questo periodo (se vuoi maggiori informazioni, leggi il mio articolo sulla fisiologia della gravidanza in medicina cinese). Una nausea forte, prolungata o accompagnata da vomito e difficoltà a mangiare, però, è segno di un disequilibrio in atto o di una maggior difficoltà dell’organismo ad adattarsi ai cambiamenti. Cosa si può fare in questo caso?

Per andare alla radice del problema, la cosa migliore è rivolgersi ad un’operatrice di medicina cinese, che possa dare consigli mirati rispetto al quadro di disarmonia che causa la nausea.
Nel frattempo e parallelamente, è possibile utilizzare uno degli agopunti più noti e trattarlo autonomamente in digitopressione, per agire con efficacia sul sintomo della nausea.

PC6: il punto universale contro la nausea

Moltissime persone non sanno che esiste un punto (la cui efficacia è riconosciuta anche dall’OMS) che ha effetto su tutti i tipi di nausea.
Come saprà chi ha letto qualcuno dei miei articoli, per la medicina cinese ogni persona è diversa dalle altre e, quindi, ogni problema è trattato in base alla situazione specifica dell’individuo: per consigliare i punti da utilizzare in automassaggio, quindi, è importante capire quale sia il quadro energetico alla base.
Questo punto, però, funziona bene per calmare ogni tipo di nausea, quindi anche quella dovuta alla gravidanza. Il punto in questione è il n. 6 del meridiano del pericardio (PC6) e, siccome si trova sul braccio, è molto semplice utilizzarlo in autotrattamento. Per localizzarlo, bisogna appoggiare indice, medio e anulare della propria mano a filo della piega del polso (ossia dove il polso si piega, alla base delle ossa della mano): il punto si trova dal lato verso il gomito, dove finisce l’ultima delle tre dita appoggiate. Orizzontalmente, si trova fra ulna e radio e, per la precisione, nello spazio fra i due tendini. È molto importante utilizzare la propria mano sul proprio braccio, perché le mani di altre persone hanno proporzioni completamente diverse e, quindi, non sono utili allo scopo.Continua a leggere…

Condividi: