Una leggera nausea è normale all’inizio della gravidanza, a cause dei grandi cambiamenti nel bilanciamento yin-yang e nella fisiologia della donna che hanno luogo in questo periodo (se vuoi maggiori informazioni, leggi il mio articolo sulla fisiologia della gravidanza in medicina cinese). Una nausea forte, prolungata o accompagnata da vomito e difficoltà a mangiare, però, è segno di un disequilibrio in atto o di una maggior difficoltà dell’organismo ad adattarsi ai cambiamenti. Cosa si può fare in questo caso?

Per andare alla radice del problema, la cosa migliore è rivolgersi ad un’operatrice di medicina cinese, che possa dare consigli mirati rispetto al quadro di disarmonia che causa la nausea.
Nel frattempo e parallelamente, è possibile utilizzare uno degli agopunti più noti e trattarlo autonomamente in digitopressione, per agire con efficacia sul sintomo della nausea.

PC6: il punto universale contro la nausea

Moltissime persone non sanno che esiste un punto (la cui efficacia è riconosciuta anche dall’OMS) che ha effetto su tutti i tipi di nausea.
Come saprà chi ha letto qualcuno dei miei articoli, per la medicina cinese ogni persona è diversa dalle altre e, quindi, ogni problema è trattato in base alla situazione specifica dell’individuo: per consigliare i punti da utilizzare in automassaggio, quindi, è importante capire quale sia il quadro energetico alla base.
Questo punto, però, funziona bene per calmare ogni tipo di nausea, quindi anche quella dovuta alla gravidanza. Il punto in questione è il n. 6 del meridiano del pericardio (PC6) e, siccome si trova sul braccio, è molto semplice utilizzarlo in autotrattamento. Per localizzarlo, bisogna appoggiare indice, medio e anulare della propria mano a filo della piega del polso (ossia dove il polso si piega, alla base delle ossa della mano): il punto si trova dal lato verso il gomito, dove finisce l’ultima delle tre dita appoggiate. Orizzontalmente, si trova fra ulna e radio e, per la precisione, nello spazio fra i due tendini. È molto importante utilizzare la propria mano sul proprio braccio, perché le mani di altre persone hanno proporzioni completamente diverse e, quindi, non sono utili allo scopo.Continua a leggere…

Condividi:
gravidanza fisiologica in medicina cinese

Come dovrebbe essere la gravidanza fisiologica in medicina cinese? Scopriamolo in un percorso fra concepimento, tre trimestri e parto

La gravidanza è un momento di grande trasformazione nella vita di ogni donna: in poche settimane, tutto cambia, dando vita ad un nuovo e dinamico equilibrio, che continua a evolvere durante i nove mesi e che culmina nel momento del parto, in cui nascono un bimbo e una mamma.
Cosa succede durante questi nove mesi dal punto di vista della medicina cinese?
Da dove nascono molti dei disturbi più comuni?
Come origina la vita?

 

L’unione dei due jing: il concepimento

Per la medicina cinese, il momento del concepimento corrisponde a quello della fusione fra la componente di derivazione maschile e quella femminile di una delle sostanze preziose del corpo umano: il jing. Ma che cos’è il jing?
Si tratta di una forma molto raffinata di qi (“energia”), che è di importanza fondamentale per il mantenimento della struttura fisica del nostro organismo e per la sua riparazione.
Secondo la medicina cinese, il jing è distribuito in tutto il corpo, ma è conservato soprattutto nella zona del basso addome e gestito dal rene.
Il jing è alla base del processo di crescita, maturazione, riproduzione e decadimento dell’uomo, in particolare della sua struttura fisica. Contiene infatti tutte le informazioni necessarie alla strutturazione materiale del nostro corpo e alla possibilità di “moltiplicarci”, concependo altri esseri umani.
Oltre a questo, il jing è la base da cui origina il tipo di qi (“energia”) più attivante: yuanqi, che mette in moto tutti i processi metabolici e cellulari dell’organismo, dalla fusione della cellula uovo fecondata alla digestione, passando per il funzionamento di tutti gli organi e i visceri.
Le funzioni del jing sono molteplici, ma in questo contesto ci occupiamo solo di quelle relative al concepimento!
Continua a leggere…

Condividi:
travaglio con la digitopressione

Chi ha letto il mio articolo precedente dedicato alla digitopressione per il travaglio e il parto, conosce già le ragioni principali per l’utilizzo dei punti di agopuntura durante il travaglio: sostenerne la fisiologia, velocizzarne il procedere (soprattutto per chi è al primo parto), contenere il dolore delle contrazioni, alleviare la nausea, calmare l’agitazione e dare modo a chi accompagna la futura mamma (futuro papà, parente / amica, ostetrica…) di aiutarla in modo concerto, utile e pratico.

Oggi ci addentriamo sul piano pratico: come funziona la digitopressione durante il travaglio?
Nei momenti che precedono il parto, il qi (“energia”) della futura mamma inizia a muoversi verso il basso, per spingere il feto fuori: l’“accumularsi” del qi nell’addome inferiore e la pressione fisica esercitata dal feto sono causa del dolore che si prova in questi momenti.

Continua a leggere…

Condividi:

Digitopressione travaglioIl travaglio e il parto sono momenti molto intensi per la donna: sono l’ultima fase del viaggio iniziato con il concepimento e, soprattutto per chi partorisce per la prima volta, segnano in modo indimenticabile il passaggio dal “prima” al “dopo”.

Il travaglio è fisicamente e psicologicamente impegnativo: normalmente dura diverse ore e quando è particolarmente prolungato può portare la donna allo stremo. Chi le è accanto (molto spesso il futuro papà) in molti casi vive questa fase con un senso di impotenza e di inutilità: non c’è nulla di concreto che possa fare per alleviare il dolore, per velocizzare il travaglio, per dare un sostegno anche fisico alla futura mamma… tranne che tenerle la mano, farle sentire la propria presenza e cercare di aiutarla dandole quello che riesce a chiedere. Molto spesso, però, questo non basta e chi è accanto alla mamma in travaglio si sente poco utile o poco partecipe.Continua a leggere…

Condividi: