cibi che raffreddano

Quali sono i cibi che raffreddano e quali sono i loro effetti secondo la medicina cinese?

La medicina cinese studia da sempre i cibi non in base a micronutrienti o calorie, ma all’impatto che hanno sull’equilibrio globale del nostro organismo.
Uno dei parametri che prende in considerazione è la natura termica degli alimenti, ossia la loro capacità di spostare questo equilibrio verso il caldo o il freddo. Ne ho parlato diffusamente nel mio articolo Perché gli alimenti possono alterare il nostro equilibrio termico?.

Oggi mi occupo nello specifico dei cibi con natura termica fresca e fredda, capaci cioè di spostare il nostro equilibrio termico verso il freddo. Se sei interessata a scoprire anche i cibi che lo spostano verso il caldo (tiepidi e caldi) puoi leggere il mio articolo I cibi che riscaldano peggiorano acne e irritabilità.

Continua a leggere…

Condividi:
cibi che riscaldano

Secondo la medicina cinese, alimenti diversi hanno effetti diversi sul nostro equilibrio e quindi esistono cibi che riscaldano, che rinfrescano o che umidificano: che impatto hanno su di noi?

La medicina cinese guarda all’alimentazione con occhi particolari: non considera infatti le calorie o l’apporto di nutrienti (glutidi, lipidi, protidi…) dei diversi cibi, ma valuta invece l’effetto che hanno sul nostro organismo una volta introdotti. Se molti cibi hanno un basso impatto (ossia non spostano di molto il nostro equilibrio), ne esistono invece altri che hanno un’azione molto forte e che sono in grado di modificare il modo in cui stiamo sul medio periodo, nel bene e nel male.

In un articolo precedente ho già parlato degli alimenti umidificanti, che causano accumuli: puoi leggerlo cliccando qui. Oggi mi dedico invece agli alimenti riscaldanti, che hanno la capacità di influenzare al rialzo la nostra regolazione della temperatura corporea e di portare disturbi caratterizzati da manifestazioni di calore (bruciore, rossore, secchezza).

Continua a leggere…

Condividi:
nervosismo da sindrome premestruale

Quante donne soffrono di nervosismo da sindrome premestruale? Personalmente, fra le mie clienti ce ne sono moltissime.
Più incontro donne nel mio studio e più mi faccio domande sul perché di questa “epidemia” di sindrome premestruale: possibile che questo problema riguardi così tante donne?

Forse a qualcuna sembrerà strano che io mi ponga questa domanda, perché ci è stato insegnato che la donna è “umorale” per natura, che quando le arrivano “le sue cose” è naturale che sia più nervosa e che non ci possiamo fare niente.
La medicina cinese ha una prospettiva completamente diversa: siccome il ciclo mestruale è un processo fisiologico ed è regolato da meccanismi complessi e mirati a garantirne l’equilibrio, nessuna donna dovrebbe stare male prima, durante o dopo le mestruazioni.

La fase premestruale, in particolare, è un momento in cui fisiologicamente noi donne abbiamo maggiore energia fisica e siamo molto più creative del resto del mese. Perché allora il nervosismo da sindrome premestruale e tutto il corollario di disturbi tipici (gonfiore, dolore, ritenzione di liquidi, mal di testa, sonno poco riposante, feci molli o stitichezza, sbalzi d’umore, rabbia, pianto…) sono così diffusi?

Continua a leggere…

Condividi:
momenti bui in medicina cinese

Nel nostro mondo occidentale contemporaneo, che esalta la positività e la produttività come massimi valori, i momenti di sconforto non sono i benvenuti… al contrario, i momenti bui in medicina cinese sono il presupposto per la nostra crescita e la nostra evoluzione.
Perché questa differenza così grande? Come ci può aiutare la medicina cinese a cambiare la nostra visione? Quali sono le tecniche più adatte a sostenerci nel superarli?

 

I momenti bui in medicina cinese: non esiste lo yang senza lo yin

La grande differenza fra la nostra visione e quella cinese sta nel fatto che in Occidente siamo abituati a separare le cose in categorie nette e incomunicabili, legate a un valore morale o assoluto. In Oriente invece il mondo viene osservato dal punto di vista della correlazione: si cercano cioè le relazioni e non le opposizioni fra le cose.
L’emblema di questo pensiero è il concetto di yin e yang, rappresentato dall’immagine qui sotto.Continua a leggere…

Condividi: