fermare il rimuginio

Uno dei problemi di cui più spesso mi parlano le persone che ricevono i miei trattamenti è la presenza costante di pensieri fissi e circolari, che le spingono a chiedersi se e come sia possibile fermare il rimuginio. Un po’ come in questa storia zen, si portano sempre sulle spalle un peso che avrebbero dovuto lasciare molto tempo prima…

Continua a leggere…

Condividi:
cuore vuoto

BenEssereDonne si è occupato recentemente di un concetto molto importante per la cultura cinese, il concetto di Cuore Vuoto. Questo concetto si riferisce ad una condizione di grande consapevolezza e armonia che si esprime con il non attaccamento, con la capacità di accogliere e anche di lasciar andare quando è il momento (“Il cuore, come uno specchio, non accompagna le cose che vanno, non dà il benvenuto alle cose che arrivano; risponde, non conserva”. Zhuangzi, cap. 7).
In questo articolo cerchiamo di capire in che modo, secondo la medicina cinese, è possibile ottenere questa condizione di Vuoto.

Iniziamo con il concentrare l’attenzione su noi stessi

Iniziamo col dire che parlare di Cuore Vuoto significa parlare di una condizione di non semplice e immediato conseguimento. Il Cuore Vuoto è, piuttosto, il risultato di un paziente percorso di evoluzione personale.
E’ il risultato di un esercizio quotidiano, in un processo di progressiva liberazione prima di tutto dalle dinamiche mentali più o meno consapevoli che si ritorcono contro di noi.
Ogni giorno rischiamo, senza rendercene conto, di coltivare ambizioni irrealizzabili, nutrire aspettative eccessive con conseguenti frustrazioni, coltivare fobie immotivate (non ultimo in tema di salute) e altro ancora. Rischiamo, in altre parole, di alimentare pensieri dannosi, in un circuito continuo, disturbando il movimento del Qi (“energia”) con effetti nella mente e nel corpo.
Avere il Cuore Vuoto significa, in primo luogo, spezzare questo meccanismo, riprogrammare il nostro modo di essere, concentrare l’attenzione su di noi: sul nostro corpo e sulla nostra mente.

Continua a leggere…

Condividi:
cuore vuoto

Nel pensiero della medicina cinese, il “cuore vuoto” è un concetto centrale. A noi questa espressione dà l’idea di un impoverimento… ma cosa significa in realtà?

La medicina cinese considera le emozioni movimenti fisiologici del qi (“energia”) che hanno un impatto globale sul nostro organismo, anche se per loro natura sono particolarmente legate al cuore. Anche nella nostra esperienza, infatti, tutte le emozioni causano un’immediata modifica del ritmo cardiaco: che si tratti di paura, di rabbia o di gioia, il battito del cuore cambia immediatamente.
La medicina cinese spiega questo legame in modo particolare: il cuore governa la circolazione del sangue, che è una sostanza densa e materiale (in medicina cinese, yin) ed è quindi in grado di “ancorare” e bilanciare la nostra parte psico-emotiva e mentale (in medicina cinese shen) che al contrario è estremamente immateriale e “volatile” (in medicina cinese, yang). Per questo motivo, il cuore ha un legame preferenziale anche con le emozioni e “risuona” subito con i loro movimenti.Continua a leggere…

Condividi:
primavera in medicina cinese

Quali sono le caratteristiche della primavera in medicina cinese? Cosa succede al nostro equilibrio? Quali sono i consigli per affrontare la stanchezza primaverile?

Come tutti gli anni, nel periodo precedente all’equinozio primaverile, l’energia della primavera è già nell’aria… Anche se le temperature non sono ancora miti in tutta Italia, sicuramente abbiamo già iniziato ad avvertire i primi segnali del passaggio di stagione.
Come tutti i cambi stagionali, anche quello fra primavera e inverno è spesso ricco di momenti critici. La primavera infatti non è una stagione “semplice”: fra allergie respiratorie, stanchezza, tempeste emotive spesso ci mette a dura prova.
In questo articolo troverai la risposta della medicina cinese a tanti dei “perché?” che spesso ci poniamo, assieme a numerosi consigli pratici. Buona lettura!
Continua a leggere…

Condividi: