punti di agopuntura

Tutto quello che avresti voluto sapere sui punti di agopuntura, ma non hai mai osato chiedere…

Se ti sei mai interessata alla medicina cinese, sicuramente avrai sentito parlare dei punti di agopuntura e, magari, avrai anche ricevuto trattamenti (con tuina, agopuntura o il “cugino giapponese” shiatsu…) che li utilizzano.
Ma cosa sono questi punti? Perché sono efficaci? E quali sono le possibili tecniche per trattarli? Ecco qui di seguito una lista di FAQ (domande frequenti) dedicate a te e alle tue curiosità!

D: Cosa sono i punti di agopuntura?

R: I punti di agopuntura (o agopunti o, semplicemente, punti) sono minuscole aree situate lungo il decorso dei meridiani.
I meridiani (o canali) sono vie di scorrimento preferenziale di qi (“energia”) e sangue (e quindi di nutrimento e informazioni) che secondo la medicina cinese percorrono il nostro corpo sia in senso longitudinale che in senso trasversale.
I punti sono zone dei meridiani particolarmente sensibili al tocco e alla stimolazione e, quindi, reagiscono agli stimoli che arrivano dall’esterno: pressione, puntura, luce, percussione…, permettendo la trasmissione di messaggi al nostro organismo.
I punti di agopuntura quindi sono una sorta di “interfaccia” grazie alla quale è possibile comunicare con il nostro “microcosmo” e con il suo equilibrio fisico, funzionale e mentale/emotivo, stimolando la superficie esterna del corpo per agire sul suo interno.

Continua a leggere…

Condividi:
meridiani

Il Il tuina (trattamento tradizionale della medicina cinese) come l’agopuntura utilizza i punti dei meridiani, la rete di canali energetici che percorre tutto il nostro corpo. Ma cosa sono di preciso i meridiani?

Questa è una delle domande che chi si avvicina alla medicina cinese (clienti, appassionati, studenti dei corsi professionalizzanti in cui insegno…) mi fa più spesso. Ciò che fa interrogare le persone su questo argomento è il fatto che se sezioniamo un corpo umano non troviamo strutture anatomiche corrispondenti ai meridiani. Quindi i meridiani sono un’invenzione?
Potrei rispondere con un’altra domanda: quando sezioniamo il cervello, vediamo i pensieri e le emozioni? NO… e quindi i pensieri e le emozioni sono un’invenzione?

Quello che voglio dirti con questo esempio è semplice: non tutto ciò che esiste è visibile sotto forma di struttura materiale. Esistono però altri modi per rilevare ciò che non è visibile fisicamente: dai suoi effetti o da quello che succede alle strutture materiali quando questo “qualcosa” entra in azione.
Ad esempio, anche se non possiamo vedere pensieri o emozioni sezionando il cervello, grazie alla risonanza magnetica possiamo vedere aumento o diminuzione dell’attività in determinate aree del cervello quando la persona è sottoposta a stimoli che ne attivano pensieri o emozioni.

Lo stesso vale per i meridiani, che non sono strutture anatomiche, ma funzionali. Possiamo quindi studiarli e conoscerli in base ai loro effetti (quello che fa la medicina cinese da circa tremila anni) oppure utilizzare esami per capire cosa succede alle strutture anatomiche quando tiriamo in ballo i meridiani.
In questo articolo ti parlerò di entrambe queste vie.

Continua a leggere…

Condividi: