ciclo mestruale e fasi lunari

La medicina cinese lega da sempre ciclo mestruale e fasi lunari: come leggere questa corrispondenza a livello energetico e simbolico?

Se ti chiedo quanto dura un mese, sicuramente mi risponderai “30-31 giorni”. Ma hai mai pensato che il nostro mese femminile, quello segnato dal ciclo mestruale, dura invece circa 28 giorni?

Gli antichi cinesi, che hanno basato la loro filosofia, la loro scienza, la loro medicina sull’osservazione minuziosa del mondo e sulla ricerca di parallelismi e risonanze, hanno sempre messo in relazione la durata del ciclo mestruale con il mese lunare, che nel calendario tradizionale cinese segnava il computo del tempo.

In cinese infatti il carattere 月 yue significa sia luna che mese, mentre il carattere 日ri significa sia sole che giorno. Il calendario cinese è infatti lunisolare: il ciclo della luna è utilizzato per il computo dei mesi, mentre il sole per quello del giorno. Le principali festività e il complesso studio delle dinamiche energetiche del cosmo (utilizzato per l’agricoltura e non solo) sono invece basati su un’interazione dei cicli lunari con quelli solari (ad esempio, l’inizio del nuovo anno è segnato dalla prima luna piena dopo il solstizio invernale).
Cosa c’entra tutto questo con il ciclo mestruale? I livelli di lettura possibili sono due.

La luna come emblema dello yin

Secondo il pensiero cinese, tutto ciò che esiste è la manifestazione della continua interazione, della continua trasformazione e del continuo susseguirsi di due principi complementari e opposti:

  • lo yang, che si manifesta in tutto ciò che è luminoso, caldo, attivo, secco, che tende a muoversi verso l’esterno, a salire verso l’alto e a rarefarsi, a essere “sottile” e impalpabile… e molto altro
  • lo yin, che si manifesta in tutto ciò che è buio, fresco, in quiete, umido, che tende a muoversi verso l’interno, a scendere verso il basso e a condensarsi, a essere materiale e palpabile… e molto altro

Per capire meglio questi concetti puoi leggere il mio articolo di approfondimento Yin e yang: alle radici della medicina cinese.

Se il sole è considerato l’emblema dello yang (è caldo, luminoso, asciuga, scalda l’aria che sale in alto…), la luna è quello dello yin (compare nel cielo notturno, muove l’acqua che è yin e ne causa le maree…).

Anche la fisiologia femminile secondo la medicina cinese è basata sullo yin: la sua regolarità si manifesta con il sangue (sostanza yin, materiale e umida), il suo apparato riproduttivo è strutturato per portare all’interno, mantenere nella quiete (il feto durante la gravidanza), portare a svilupparsi nella materialità (un figlio dal “niente” che è la cellula uovo fecondata).
Il mese lunare è quindi il mese della donna: ciclo mestruale e fasi lunari sono quindi collegate perché ci parlano di uno stesso processo energetico e simbolico di trasformazione ricorrente, mensile.

 

“La luna cresce e decresce, la marea c’è mattino e sera, le mestruazioni vengono una volta ogni luna, perciò sono chiamate acque della luna”
Li Shizhen, Bencao Gangmu vol. 2 (1578)

 

Ciclo mestruale e fasi lunari: quando le donne vivevano insieme

L’altro aspetto che possiamo considerare è relativo al fatto che noi donne contemporanee facciamo spesso poco caso alla ciclicità del nostro ritmo mestruale e alle sue corrispondenze perché abbiamo cicli mestruali non sincronizzati.

Tutte però abbiamo fatto esperienza almeno una volta del fatto che lavorando gomito a gomito con altre donne (stessa stanza in ufficio, stessi orari in negozio, stessi turni di lavoro…) i cicli mestruali tendono a sincronizzarsi. Questa cosa che ci sembra strana è in effetti fisiologica e funzionale dal punto di vista riproduttivo…

Quando le donne vivevano tutte insieme (in famiglia, in villaggio, in gruppi nomadi) tendevano a vivere contemporaneamente le fasi del ciclo mestruale (che spesso ora sono “cristallizzate” dall’assunzione della pillola e quindi inamovibili). Era impossibile che agli occhi di un osservatore uomo non risaltasse il fatto che:

  • la luna aveva un ciclo di circa 28 giorni, composto da 4 diverse fasi che si ripetevano ogni mese
  • le donne del villaggio / gruppo nomade avevano un ciclo mestruale di circa 28 giorni, composto da 4 diverse fasi che si ripetevano ogni mese

Mi piace pensare che in tempi arcaici in Cina il mese, chiamato “luna” (月), fosse basato proprio sul mese femminile e sulla corrispondenza fra ciclo mestruale e fasi lunari. La parola cinese per definire il ciclo mestruale infatti è proprio 月经 yuejing, che letteralmente vuol dire “regola / canone del mese” o “della luna”.

ciclo mestruale e fasi lunari

Ciclo mestruale e fasi lunari: corrispondenze energetiche e simboliche

Se vogliamo capire meglio la corrispondenza fra ciclo mestruale e fasi lunari, dobbiamo analizzare bene le caratteristiche delle quattro fasi della luna (nuova, crescente, piena, calante) e delle quattro settimane del ciclo (mestruale o “del sangue”, post mestruale o “dello yin”, post ovulatoria o “dello yang”, premestruale o “del qi”).

Per capire meglio la ciclicità mensile della donna nella sua globalità e nella sua trasformazione, ti rimando al mio articolo Ciclo mestruale in medicina cinese: una prospettiva olistica.

Per ogni fase, esaminerò in breve sia le corrispondenze energetiche che quelle simboliche.

 

Fase mestruale – Luna nuova

Questa fase, detta in medicina cinese “fase del sangue”, è caratterizzata dallo svuotamento: il sangue fluisce all’esterno per svuotare l’utero, che si prepara a iniziare un nuovo ciclo. Allo stesso modo, il cielo è “vuoto” perché la luna non è presente. Per il pensiero cinese, l’idea di vuoto è centrale: il vuoto infatti è la condizione grazie alla quale ciò è che potenzialità si può manifestare.

Come fai a riempire un bicchiere se prima non lo svuoti del suo contenuto? Allo stesso modo, la “coppa” che è l’utero dev’essere svuotata del sangue “vecchio” (che non è una sostanza sporca, ma solo inutilizzata) per potersi riempire di nuovo e accogliere un’eventuale vita.

Dal punto di vista simbolico, la luna nuova è una luna che non manifesta la sua luce all’esterno. La luna “nera” esprime il massimo dello yin, il principio legato alla quiete e all’interiorizzazione. È proprio nella fase mestruale infatti che l’utero, svuotandosi, può permetterci di prendere maggiore contatto con la nostra interiorità, che possiamo raggiungere attraverso la quiete e il silenzio.

Lettura di approfondimento: La fase mestruale: svuotare l’utero, svuotare il cuore.

 

Fase post mestruale – Luna crescente

Questa fase, detta in medicina cinese “fase dello yin”, è quella in cui l’utero torna a riempirsi: sangue, fluidi, sostanze fertilizzanti iniziano ad affluire all’utero per prepararlo al concepimento. Allo stesso modo, la luna comincia a “riempirsi” di nuovo e diventa sempre più visibile e piena.

Questo processo di riempimento nella donna si manifesta con i segni visibili di uno yin in crescita: la lubrificazione vaginale aumenta e si manifestano le perdite di muco filante.

Dal punto di vista simbolico, così come la luna inizia a emergere dall’oscurità anche la donna è in grado di rivolgere di nuovo il suo sguardo all’esterno e di diventare più attiva: lo yang (attivazione, muoversi verso l’esterno…) fa sentire la sua presenza man mano che ci si avvicina al 14° giorno.

Letture di approfondimento: la fase post mestruale: tornare a nutrire la vita.

metodo sintotermico

Fase ovulatoria e post ovulatoria – Luna piena

L’ovulazione segna un cambio di passo: lo yin arrivato al suo massimo si trasforma in yang. Dopo l’ovulazione, l’utero, nutrito da sangue e fluidi, diventa un luogo di attivazione, riscaldamento, trasformazione (“fase dello yang”). La luna è al massimo del suo splendore e della sua luminosità.

La vitalità aumenta, la temperatura basale sale, l’ovulo si muove in un lungo cammino lungo la tuba, fino ad arrivare dentro all’utero. Se è stato fecondato, inizia un processo frenetico ed esponenziale di moltiplicazione cellulare.

Dal punto di vista simbolico, come la luna la donna è al massimo del suo splendore: più sicura di sé, più energica e capace di portare nella concretezza ciò che prima era solo nel mondo delle idee.

Lettura di approfondimento: La fase post ovulatoria: il momento giusto per fare (tanto e bene).

 

Fase premestruale – La luna calante

Questa fase, detta in medicina cinese “fase del qi”, è caratterizzata dalla preparazione allo svuotamento, perché il concepimento non è avvenuto e il sangue inutilizzato dev’essere fatto uscire per dare inizio a un nuovo ciclo. Anche la luna si prepara a entrare nella sua fase di vuoto, con una falce che decresce e subito prima della luna nuova è quasi impalpabile.

In questa fase il protagonista è il qi (“energia”), che inizia a raccogliersi nella zona dell’utero per prepararsi a spingere fuori il sangue vecchio.

A livello simbolico, nei primi giorni (in cui la parte luminosa – yang – attivante della luna è ancora presente) prevalgono energia mentale e fisica e creatività (che possono diventare negatività e nervosismo se sono presenti disequilibri). Quando la falce di luna è ormai quasi invisibile, 1-2 giorni prima del flusso, inizia una fase di ritiro in cui ci si raccoglie per prepararsi a fare il vuoto.

Lettura di approfondimento: La fase premestruale: liberare l’energia creativa.

 

Lavorare sulla nostra ciclicità, sulle fasi del nostro ciclo e sull’ascolto delle loro caratteristiche a livello fisico, funzionale e mentale / emotivo è fondamentale per mantenere il nostro equilibrio e per stare bene. Se vuoi lavorare su questi aspetti, potrebbe interessarti il workshop teorico-esperienziale Porta il ciclo in ufficio, che organizzo insieme a Francesca D’Alessandro.

Se invece sei interessata a lavorare individualmente sulle dinamiche del tuo ciclo mestruale, per favorire il riequilibrio e quindi il miglioramento di dolore e fastidi, scrivimi a info@benesseredonne.it per prendere appuntamento nel mio studio di Genova.

Se vivi lontana, ma vorresti una consulenza personalizzata per capire quanto il tuo stile di vita, la tua alimentazione e le tue abitudini si discostano da quanto consiglia la medicina cinese per avere un ciclo mestruale equilibrato e sereno, scrivimi a info@benesseredonne.it per maggiorni informazioni.

Francesca Cassini
operatrice e insegnante di tuina
consulente di medicina cinese per il femminile
interprete e traduttrice specializzata in medicina cinese
divulgatrice professionista per la medicina cinese

Condividi:

Hai commenti o domande? Fammi sapere!