primo trimestre

La gravidanza è un periodo caratterizzato da trasformazioni così grandi che un solo articolo non basta per descriverla… quindi da oggi inizio a pubblicare una serie di contenuti, con cadenza mensile, che ne descrivono lo sviluppo partendo proprio dal primo trimestre.
Se vuoi capire meglio come la medicina cinese vede la gravidanza e quindi come può sostenerla puoi leggere il mio articolo La gravidanza fisiologica in medicina cinese, che ti offre una panoramica e alcuni consigli utili.
Se sei alla ricerca di qualcosa di pratico, ti consiglio di non perderti il mio articolo del mese scorso: Cosa mangiare in gravidanza? Risponde la medicina cinese.

Il primo trimestre: concepimento

Anche se nella pratica ginecologica l’inizio del primo trimestre viene legato alla data dell’ultima mestruazione, il suo vero inizio avviene con il concepimento.
Per la medicina cinese, questo è un “momento magico” in cui si crea la base materiale ed energetica che determinerà sviluppo, caratteristiche, potenziale di salute del nascituro. Secondo la medicina cinese infatti è dall’unione dei jing dei genitori (il potenziale energetico che permette la strutturazione materiale del feto e che veicola le informazioni ereditarie) che si forma il jing del nascituro, che contiene tutte le informazioni relative non solo allo sviluppo dell’embrione, ma anche alle tappe di crescita, maturazione, trasformazione del bambino, del ragazzo e dell’adulto durante tutte le fasi della vita.

Il momento del concepimento quindi è cruciale: certamente, anche le condizioni durante il periodo della gestazione sono importanti per determinare la salute del nascituro, ma le sue caratteristiche di base prendono forma proprio in questo momento.
La medicina cinese dà quindi grande importanza alle condizioni di salute (fisica e psico-emotiva) dei genitori al momento del concepimento: malattie, problemi emotivi, stress, stato alterato da alcool o droghe, assunzione di farmaci possono influire sulla qualità del jing che verrà passato al nascituro.

Per approfondire questo aspetto, puoi leggere il mio articolo Sostenere il concepimento con la medicina cinese: come?.

Il primo trimestre: annidamento

Una volta che il concepimento è avvenuto, inizia il “viaggio” del piccolo gruppo di cellule in costituzione verso l’endometrio, nel quale l’embrione di dovrà annidare. In questa fase, è molto importante preparare le condizioni adatte per questo “radicamento”, evitando sostanzialmente di spostare troppo l’ago della propria bilancia verso il polo yang (agitazione, movimento, eccitazione…). Non serve stravolgere la propria vita, ma basta seguire alcuni semplici consigli:

  • cerca di evitare arrabbiature e agitazione: se questo non è possibile (es. situazione lavorativa molto negativa), ritaglia ogni giorno un momento per te in cui dedicarti a meditazione o semplici pratiche di contatto con le tue emozioni, in cui ascoltarle e lasciarle fluire via (segui ad esempio Nicoletta Cinotti, che propone settimanalmente brevi video gratuiti con semplicissime meditazioni.). Le emozioni non gestite o represse provocano la formazione di calore interno, che ha la capacità di muovere e agitare a livello emotivo e fisico e che potrebbe disturbare il delicato processo di annidamento.
  • non esagerare con spezie e cibi / bevande piccanti (pepe, peperoncino, cannella, zenzero secco, curcuma, zafferano, curry…): si tratta di alimenti che aumentano il calore, con l’effetto descritto anche sopra
  • non esagerare con l’attività sportiva, soprattutto se coinvolge la zona dell’addome (che deve restare in relativa quiete) e se è molto richiedente dal punto fisico

Questi consigli sono validi anche per tutto il resto del primo trimestre, che è il periodo più a rischio di potenziali aborti.

 

primo trimestre

Il primo trimestre: le nausee

Superato il primo mese, la gravidanza inizia a farsi più evidente per la futura mamma, anche perché spesso iniziano a comparire nausea e/o vomito. Per la medicina cinese, nausee leggere e di breve durata sono fisiologiche: l’equilibrio del corpo, infatti, sta cambiando e c’è bisogno di un po’ di tempo perché l’intero organismo si adatti.
Infatti l’utero, che normalmente è vuoto (yang), si va riempiendo di un qualcosa che non c’è mai stato: embrione e placenta in formazione (in medicina cinese, yin e sangue) per quanto occupino ancora poco spazio a livello energetico alterano in modo significativo il nostro equilibrio. Dal momento che l’utero è diventato “pieno”, è come se la circolazione di qi (“energia”) e sangue verso quella zona venisse parzialmente bloccata: questo determina un fenomeno di risalita verso l’alto, che si manifesta con la nausea. Man mano che le settimane passano, però, il corpo ritrova il suo equilibrio e il nostro qi trova una via per superare il blocco: le nausee passano.

Se questo non succede (o se fin da subito compaiono forte nausea e vomito), significa che in questo primo trimestre si è instaurata una situazione di disequilibrio e che il qi (“energia”) dello stomaco non è sufficientemente forte da indirizzare il flusso della digestione verso il basso o che un blocco preesistente rende ancora più grande il momentaneo problema. Se questo è il tuo caso, il mio consiglio è quello di rivolgerti a una brava operatrice in medicina cinese (a Genova ci sono io, per altre città scrivimi) che possa valutare la situazione e lavorare assieme a te sul tuo riequilibrio, anche per evitare che la nausea si prolunghi oltre il primo semestre.
Nel frattempo, c’è qualcosa di efficace e sicuro che puoi fare da sola: per saperne di più, leggi il mio articolo Fermare la nausea in gravidanza con la medicina cinese.

gravidanza fisiologica in medicina cinese

Il primo trimestre: la stanchezza

Un altro segno caratteristico del primo trimestre è la stanchezza: per la medicina cinese, si tratta di un effetto normale, dal momento che la mamma utilizza il suo qi (“energia”) e il suo sangue per assicurare il nutrimento e l’accrescimento prima dell’embrione e poi del feto. Anche se le dimensioni sono ancora piccole, questo periodo è particolarmente impegnativo perché si svolge un immenso lavoro di strutturazione (fisica ed energetica) che necessita di un grande contributo da parte delle risorse materne.
Se hai sonno (soprattutto dopo i pasti) e senti di dover riposare spesso, quindi, è normale. Se invece ti senti veramente debilitata, il riposo non ti basta, la nausea è presente tutto il giorno ed è accompagnata da inappetenza e le tue feci sono molli, è molto probabile che l’energia del tuo stomaco e della tua milza (che per la medicina cinese si occupano di digestione e assimilazione e sono alla base della produzione di qi e sangue di tutto l’organismo) non sia sufficiente per affrontare questo momento così impegnativo. Rivolgiti a un’esperta in medicina cinese (se sei di Genova, contattami) che potrà aiutarti a sostenere il qi di milza e stomaco con trattamenti e consigli alimentari e potrà spiegarti come eseguire in sicurezza la moxibustione a casa, in completa autonomia.

Il viaggio prosegue con il secondo trimestre: continua la lettura con il mio articolo Il secondo trimestre di gravidanza in medicina cinese.
Se hai commenti o domande sul primo trimestre, puoi scrivere nei commenti qui sotto o mandarmi un’email.

Francesca Cassini
info@benesseredonne.it
operatrice e insegnante di tuina
consulente di medicina cinese per il femminile
interprete e traduttrice specializzata in medicina cinese
divulgatrice professionista per la medicina cinese

Condividi:

Hai commenti o domande? Fammi sapere!