ciclo irregolare

Secondo la medicina cinese, il ciclo irregolare è sintomo di un disequilibrio interno. Il ciclo mestruale infatti dovrebbe durare fisiologicamente circa 28 giorni: anticipi o ritardi marcati (se ripetuti) o irregolarità nel ritmo (a volte in anticipo, a volte in ritardo) sono segnali di un disequilibrio delle sostanze del corpo o del sistema energetico di organi e visceri.
Come capire qual è la disarmonia alla base? Come regolarizzare il ciclo irregolare? La medicina cinese come sempre risponde analizzando nei dettagli le manifestazioni e le caratteristiche del ciclo, in modo da capire con precisione qual è la situazione e, quindi, quali sono le strategie da mettere in atto.

Questo lavoro viene svolto attraverso il colloquio individuale con l’operatrice, che indaga la situazione specifica della persona grazie a domande mirate e all’esame di lingua e polsi: in questo modo, il trattamento messo in atto è veramente personalizzato e quindi efficace.
Se non ti sei ancora rivolta a un’operatrice di medicina cinese, ma vuoi iniziare a capire quale sia il disequilibrio che ha portato al tuo ciclo irregolare, ho pensato di riportare qui per te i principali quadri, con alcune indicazioni rispetto all’alimentazione e allo stile di vita.
Ricorda che per vedere l’efficacia delle variazioni nella propria alimentazione bisogna essere costanti per almeno un paio di mesi!

Attenzione: le indicazioni di alimentazione energetica in base alla medicina cinese riportate in questo articolo non costituiscono una dieta e non sono una prescrizione, ma solo un suggerimento basato sulle caratteristiche energetiche degli alimenti secondo la medicina cinese.
Per tutti i problemi del ciclo, consulta innanzi tutto la/il tua/o ginecologa/o o medico curante.

Ciclo irregolare: quando l’anticipo è la norma /1

Se il tuo ciclo è più breve di 24-25 giorni e hai un flusso abbondante (8-10 assorbenti al giorno), di colore rosso intenso, con eventuali coaguli rossi e un odore forte, questo può facilmente dipendere da calore nell’utero. In questo caso, è possibile che tu soffra anche di sindrome premestruale con forte irritabilità, scoppi di rabbia, mal di testa, difficoltà a dormire o sonno agitato. Osserva la tua lingua: è rossa, soprattutto sui bordi laterali?

Il calore in natura non è altro che una maggiore agitazione termica delle molecole: la medicina cinese sostiene da sempre che il calore muove, agita, iper stimola, spinge fuori dal “circuito regolare”. Pensa ad esempio ad un pentolino pieno di acqua o latte messo sul fuoco: se la fiamma è molto alta e l’esposizione continua, il liquido prima bollirà e poi traboccherà fuori dal pentolino.
La stessa cosa succede con il ciclo: quando l’utero è “pieno” di sangue, ossia in prossimità del ciclo, la presenza del calore lo muove e lo spinge a uscire prima del tempo (ciclo anticipato) e in quantità maggiore del normale (ciclo abbondante).

Da dove arriva però questo calore? Le vie principali sono due:

  • dall’alimentazione, attraverso il consumo prolungato e continuativo di quantità eccessive di cibi con natura termica calda (vedi sotto) o cotti in modo eccessivamente riscaldante (griglia, forno, frittura);
  • dall’emotività, attraverso emozioni non espresse o represse, che bloccano la normale circolazione del qi (“energia”) e causano una situazione di calore interno.

Se vuoi iniziare ad agire su questa situazione, puoi cominciare dall’alimentazione: diminuisci il consumo di alimenti energeticamente riscaldanti (tutte le spezie tranne lo zafferano, carni rosse, insaccati e affettati, caffè, alcool, cioccolato, arachidi, sigarette, alimenti cotti alla griglia o al forno) e introduci nella tua alimentazione quotidiana più alimenti rinfrescanti (orzo, grano in chicchi, carne di cavallo, carne di anatra, granchio fresco, vongole, lattuga, verdure amare come la catalogna, alghe se non hai problemi di tiroide, cetriolo, latte di soia, fagioli di soia verde (mung), tè verde, menta, maggiorana e origano…).
Ovviamente, la base dell’alimentazione dev’essere costituita da cereali in chicco, proteine non animali e pesce, che hanno una natura termica neutra e che sono indispensabili per la corretta produzione del qi (“energia”).

Per agire sulla parte emotiva e sull’espressione di sé attraverso canali appropriati possono essere adatti tutte le tecniche che lavorano su questo canale: meditazione, psicoterapia, trattamenti Tuina, mindfulness, ecc.

 

Ciclo irregolare: quando l’anticipo è la norma /2

Se il tuo ciclo è più breve di 24-25 giorni e hai un flusso scarso (2-3 assorbenti al giorno), di colore rosso chiaro o pallido o slavato, senza odore, accompagnato da stanchezza e freddolosità soprattutto alla fine del ciclo, la tua disarmonia è probabilmente la mancanza di qi (“energia”) e sangue.
Il qi, infatti, non ha solo il compito di stimolare il flusso mestruale, ma anche di trattenerlo fino al momento “giusto” per uscire: se non è sufficiente, il sanguinamento si presenterà in anticipo e sarà accompagnato da sensazione di stanchezza (il qi manca, non c’è energia) soprattutto quando il ciclo è quasi concluso, perché la quantità di qi disponibile è ulteriormente diminuita.

In questo caso, la cosa più importante per lavorare sul ciclo irregolare è alimentarsi in maniera adeguata, basando i propri pasti sugli alimenti che sostengono la produzione del qi e del sangue: cereali in chicco come riso, farro, quinoa, orzo…, pollo, pesce soprattutto azzurro, cefalopodi come seppia, polpo e calamaro, legumi come piselli e lenticchie, verdure dal sapore dolce come patata e zucca, semi come pinoli e sesamo nero, frutta come uva nera, avocado, ciliegie, frutti rossi, uva passa, datteri, fichi secchi…

 

Quali sono invece gli alimenti che è meglio ridurre? Sicuramente tutti quelli che sono di più difficile gestione da parte del nostro sistema digerente (per la visione cinese, stomaco e milza) e che danno minore energia al prezzo di un maggiore sforzo: questi alimenti in medicina cinese sono definiti umidi, perché come l’umidità bloccano e appesantiscono e sono principalmente rappresentati da farine bianche e derivati, zucchero e dolci, latticini, frutta in grandi quantità.

Se la ragione del ciclo irregolare è la mancanza di qi e sangue, è chiaramente molto importante riposare il giusto numero di ore e non dedicarsi ad attività fisica troppo richiedente, che ci porta a consumare più energia di quella disponibile: attività più soft ma altrettanto benefiche e soddisfacenti sono yoga, pilates, taijiquan (o tai chi), qigong, camminate nel verde, trekking…

Infine, un ciclo di trattamenti tuina, associati alla tecnica della moxibustione, è il mezzo migliore per stabilizzare più velocemente la situazione, sostenendo l’aumento di qi e sangue e la loro corretta circolazione nell’utero.

 

Ciclo irregolare: quando la regola è il ritardo

Se il tuo ciclo è più lungo di 31-32 giorni e hai un flusso un po’ scarso o normale (4-6 assorbenti al giorno), di colore rosso scuro, con coaguli marroni, preceduto da perdite marroncine e soffri di sindrome premestruale (ad esempio, con tensione o dolore al seno, pancia gonfia, aumento della ritenzione nelle gambe, irritabilità o sbalzi di umore ed eventualmente mal di testa e stitichezza), il tuo ciclo irregolare è causato da una stasi di qi e sangue.
Spiegato in parole semplici, se il flusso del qi (“energia”) è ostacolato, impiegherà più tempo a promuovere il flusso del sangue e, quindi, il ciclo arriverà in ritardo.

Quali sono le cause di questa disarmonia? Ecco le principali:

  • vita esageratamente sedentaria: limitare molto il movimento fisico sul lungo periodo blocca il dinamismo del qi, che fa più fatica a fluire liberamente;
  • cause emotive: emozioni non espresse o represse per molto tempo (pensiamo a chi prova rabbia quotidiana per il capo, i colleghi o un familiare) finiscono per ostacolare il flusso del qi.

Se vuoi approfondire questo argomento, puoi leggere il mio articolo Capire la sindrome premestruale con la medicina cinese, dove sono spiegate in modo dettagliato le cause della stasi del qi e il suo meccanismo.

Cosa puoi fare, quindi, per agire sul disequilibrio che sta alla base del tuo ciclo irregolare? Oltre a seguire percorsi che ti aiutino a gestire meglio l’aspetto emotivo (meditazione, psicoterapia, trattamenti tuina, mindfulness, ecc.), puoi migliorare la tua alimentazione: ecco alcuni consigli:

  • cerca innanzi tutto di eliminare il più possibile i cibi che ostacolano il libero scorrimento del qi, ossia i cibi dal sapore acido come agrumi, pomodori, aceto, ecc. (hanno un’azione astringente, che blocca ancora di più il flusso del qi) e quelli umidi (ossia che bloccano e appesantiscono l’attività energetica del sistema digerente) come farine bianche e derivati, zucchero e dolci, latticini, frutta in grandi quantità.
  • I cibi da privilegiare e consumare quotidianamente invece sono quelli che stimolano il movimento del qi: verdura verde a foglia larga, scorza fresca e secca degli agrumi, erbe aromatiche (per l’elenco dettagliato, leggi il mio articolo Come gestire la sindrome premestruale con la medicina cinese).
  • Ovviamente, la base dell’alimentazione dev’essere costituita da cereali in chicco, proteine non animali e pesce, che hanno una natura termica neutra e che sono indispensabili per la corretta produzione del qi (“energia”).

Infine, è molto importante fare regolare attività fisica, scegliendo qualcosa di dinamico e che ti aiuti a sentirti rilassata e a scaricare le tensioni: scegli tu liberamente, tenendo conto che le attività più indicate nel tuo caso sono quelle all’aria aperta, quelle che permettono un movimento il più libero possibile e quelle che ti aiutano a ottenere anche un relax mentale ed emotivo.

 

sindrome premestruale in medicina cinese

 

Ciclo irregolare: quando la regola non esiste

Se il tuo ciclo è irregolare nel vero senso della parola, ossia ogni tanto ritarda, ogni tanto è puntuale oppure anticipa, magari qualche volta salta e molto spesso è accompagnato da sindrome premestruale, allora la causa del tuo ciclo irregolare è la stasi di qi e sangue.
Il quadro è lo stesso presentato nel paragrafo precedente sul ciclo ritardato: puoi quindi seguire tranquillamente gli stessi consigli.

Come mai la stessa disarmonia può dare risultati così diversi? Nel caso del ritardo, il flusso del qi (“energia”) è sempre bloccato e, quindi, il ciclo arriva costantemente più tardi della norma; nel caso del ciclo irregolare propriamente detto, invece, ci sono mesi in cui il qi è più bloccato (ad esempio, per ragione emotive) e quindi il ciclo è in ritardo, mentre altre volte la stasi del qi non si fa sentire in modo così prominente e quindi il ciclo arriva prima. L’obiettivo, quindi, è quello di regolarizzare e rendere sempre fluido lo scorrere del qi, in modo che il ciclo si regolarizzi.

Se hai bisogno di una mano per migliorare il tuo ciclo irregolare, puoi contattarmi per un appuntamento a Genova: possiamo concordare un ciclo di trattamenti Tuina mirati oppure posso insegnarti un autotrattamento specifico per la tua situazione individuale, che puoi portare avanti a casa in autonomia insieme a un’alimentazione adeguata e una giusta attività fisica.
Scrivimi a info@benesseredonne.it per prendere un appuntamento.

Ricorda che se sei iscritta alla Newsletter di BenEssere Donne l’incontro di valutazione per te è gratuito!

Francesca Cassini
operatrice e insegnante di tuina
interprete e traduttrice specializzata in medicina cinese

 

Vuoi conoscere e capire meglio la tua ciclicità, anche se hai un ciclo irregolare?
Vuoi metterti in ascolto delle tue fasi per dare più libertà al tuo aspetto emozionale?
Partecipa al workshop teorico-esperienziale sulle potenzialità e le risorse delle diverse fasi del ciclo mestruale: “Porta il ciclo in ufficio. Come trasformare il ciclo mestruale in risorsa e goderti il bello di essere donna, sempre”.
A Genova, domenica 24 febbraio.

Condividi:

Hai commenti o domande? Fammi sapere!